lunedì 24 febbraio 2020

Il Simposio - Dietro il velo


il simposio lgbt dietro il veloIl velo… Un accessorio così leggero e così semplice, ma capace di aprire mondi. Come la siepe di leopardiana memoria, il velo (celando qualcosa alla vista) permette di concepire l’infinito, che è sempre un fatto puramente mentale (non certo sensoriale). È decantato da Clarissa Pinkola Estés in Donne che corrono coi lupi (1993), come simbolo di protezione e segno del divino al femminile. È spesso marchio d’oppressione che copre le ricche chiome delle donne, per segnalare che sono “sottomesse”. È il velo dietro il quale I discepoli di Sais (1798-1799) di Novalis debbono scoprire il volto di Iside e - con esso - il segreto dell’universo. È il velo sul capo degli antichi pontefici romani e su quello delle vittime sacrificali; ma esistono i “sette veli” della danza di Salomè, simboli di seduzione fatale nell’omonima tragedia di Oscar Wilde (1891). Indosso alle spose, le proteggeva un tempo da sguardi indiscreti o malevoli, nonché dai possibili rapitori (che avrebbero così faticato a distinguerle, in mezzo alle damigelle ugualmente velate). È noto il “velo di Maya” di schopenhaueriana memoria, che è l’impossibilità umana di accedere all’essenza della realtà.  C’è infine il “velo pietoso” della delicatezza o dell’ipocrisia. 
Con quest’ultimo significato, il termine è compreso nel lessico LGBT. “Velato” è infatti chi non può o non vuole fare coming out: a volte, per tutelarsi di necessità; altre volte, per omofobia/transfobia interiorizzata. Nel caso di alcune persone transgender (soprattutto donne), si parla di “modalità stealth” (in inglese, “invisibile”), per indicare la volontà di nascondere il proprio passato pre-transizione e il sesso genetico. Del resto, anche se (da Stonewall in poi) la comunità LGBT ha ottenuto libertà e garanzie impensabili solo cinquant’anni fa, il “velo” sul mondo dei “sessualmente diversi” è ben lungi dall’essere divenuto superfluo. In famiglia, sul lavoro e coi compaesani, bisogna vagliare bene con chi sia possibile aprirsi.
Ciò fa sì che le realtà LGBT, almeno parzialmente, conservino alcuni “segreti” per chi si trova “dall’altra parte del velo”. Ne nascondevano certamente tre celebri poeti inglesi di cui Franco Buffoni ha voluto narrare “le vite parallele” per il cinquantesimo anniversario di Stonewall: George Byron, il summenzionato Oscar Wilde e Wystan Hugh Auden. “Segreti” sono anche i motivi più profondi per i quali la nostra società ancora rigetta l’idea di “famiglie arcobaleno”. Non parliamo poi delle famiglie bibliche, sulle quali lo sguardo analitico, spesso, non si ferma più di tanto: diciamo che sarebbero difficilmente accette a un Family Day.
            Dietro il velo di abiti e tabù, si può celare una “nudità sacra”. Nel silenzio, rimane nascosto il vero legame fra le due insegnanti Martha e Karen, nel film Quelle due (1961). Oltre a questo, la bellezza di “svelare” viaggi da sogno, o  corpi perfetti in fotografia, o i retroscena della vita sentimentale di un ragazzo ftm qualunque.  Verrà sollevato anche il velo che copre i sottili rapporti fra corpo e psiche nelle disfunzioni sessuali maschili: un argomento imbarazzante, ma che è più che mai necessario affrontare, in un’epoca in cui vanno ridisegnandosi i significati dell’ “essere uomo” (così come dell’ “essere donna”).
Buona scoperta!

Disponibile su Amazon in formato Kindle. Il programma Amazon Kindle è scaricabile gratuitamente.

mercoledì 25 dicembre 2019

La (mia) perizia psichiatrica per le persone transgender



Premetto che avevo partecipato, all’epoca, alla stesura della Legge 164/82: erano tempi in cui il paternalismo ancora si manifestava con una certa evidenza (come , ad es., nei confronti delle donne che volevano abortire). Per quanto riguardava le persone transgender, si tendeva a voler  delegare l’ultima parola sulle loro decisioni a Giudici e Medici competenti.
Questa impostazione non mi piaceva e, nelle mie relazioni peritali, oggi come allora, ritengo che sia necessario valutare le capacità decisionali di una persona transgender  e di lasciare solo a questa  piena libertà di decidere
perizia psichiatrica transgender
Ho  scritto perizie da allora e ho seguito l’evoluzione sia del costume sociale che del pensiero giuridico.   Una volta, si parlava di capacità di intendere e di volere; oggi si preferisce  invece  parlare di capacità decisionali. 
Nel caso di persone maggiorenni, ben  informate e  in grado di decidere autonomamente, ritengo che spetti a loro e solo a loro scegliere la strada su cui desiderano proseguire la propria esistenza.
È chiaro che è forse la decisione più importante di una vita, che necessita di informazioni esaurienti, dettagliate, scientificamente valide. Tali informazioni saranno valutate approfonditamente dal Soggetto e l’esaminatore potrà aiutarlo a raccogliere tutti i dettagli e a verificare che tutto sia stato considerato.
Poi, da una posizione di totale neutralità, si lascerà la decisione finale  al Soggetto.
Per quanto riguarda la presenza o l’assenza di manifestazioni psicopatologiche tali da poter inficiare tale decisione, il discorso è altrettanto complesso.
Alcune psicopatologie gravi possono pesantemente interferire con una decisione di transizione: situazioni deliranti complicate, più o meno manifeste, possono determinare confusione, ambivalenza, percorsi  contraddittori, azioni incongrue e dannose.
Certamente, nella maggioranza dei casi che capitano sotto la mia osservazione, non si manifestano psicopatologie gravi: non si considerano tali le manifestazioni nevrotiche di disagio, disforia e ansia, ma devono essere invece portati alla luce i sintomi psicotici che interferiscono strutturalmente con la possibilità di una decisione ragionata...

Dott.ssa Roberta Ribali



Continua su Il Simposio - Il coraggio di essere. Disponibile su Amazon nei formati Kindle e paperback

martedì 24 dicembre 2019

Intervista con Davis Mc-Yalla: aperture LGBT nel dialogo interreligioso?



Davis Mac-Yalla, religiosamente, è anglicano, è nato in Nigeria ed ha lasciato il paese perché l’essere omosessuale metteva la sua vita in pericolo. Ha fondato nel 2016 ad Accra (Ghana) l’Interfaith Diversity Network of West Africa (https://itdnowa.org), che inquadra i diritti LGBT+ come diritti umani e vuol trasformare le teologie prevalenti in Africa.

Raffaele (ebraicamente Yona) Ladu è un ebreo umanista (http://www.shj.org/) che lavora in una banca di Verona; una diagnosi di autismo lo rende alquanto sensibile alle problematiche LGBTQIA+ ed ha incontrato una prima volta Davis Mac-Yalla a Tel Aviv-Yafo (Israele) nel 2015, alle celebrazioni del 40° di attività di A Wider Bridge (https://awiderbridge.org/), un’organizzazione ebraica americana LGBTQ, affiliata a Keshet Gaavah (il Congresso Mondiale degli Ebrei LGBT+, http://glbtjews.org/), che catalizza un sostegno (non esente da critiche) verso lo stato d’Israele e la sua comunità LGBTQIA+. In quell’occasione, Davis Mac-Yalla perorava la causa dei rifugiati africani a causa della loro identità sessuale.

Luigia Sasso lavora all’ASSL 9 di Verona. Nel 2013, ha sposato Raffaele Yona Ladu. Appartiene alla Chiesa Valdese di Verona, in cui è molto attiva nella diaconia. Una delle sorelle di chiesa ghanesi ha sentito l’ispirazione di invitare Luigia e Raffaele in Ghana per il Natale 2018, e questo ha reso possibile quest’intervista. Le domande senza autore sono di Raffaele. 

cristiani omosessuali


***
Buonasera, Davis. Come mai hai creato la tua organizzazione proprio ad Accra? Ho letto che, nel 2007, si tentò di organizzare una conferenza sull’omosessualità, ma essa fu proibita.

Non la organizzammo noi; noi siamo riusciti a tenerla nel 2017.

Vuol dire questo che in dieci anni è cambiato l’atteggiamento della società ghanese verso l’omosessualità?

Beh, in questo paese l’omosessualità è illegale, quindi le persone devono essere molto caute, riservate ed estremamente guardinghe. Quello che fa l’Interfaith Diversity Network che presiedo è promuovere la giustizia sociale ed i diritti umani attraverso le fedi: il che vuol dire che ci va bene quello che fai, ed il messaggio che vogliamo promuovere è che i diritti umani fanno parte della fede, del proprio credo, e che bisogna radunare gli emarginati e cominciare a parlare della loro situazione. Questo è quello che stiamo facendo; siamo ebrei, cristiani, mussulmani, eccetera, e non conta il tuo background religioso – perché siamo una cosa sola.
Quando organizziamo un’iniziativa, è interreligiosa; non diciamo che è gay od omosessuale, per cui non facciamo le cose clandestinamente, ma ci mettiamo la faccia...

Intervista a cura di Raffaele Yona Ladu


Continua su Il Simposio - Il coraggio di essere. Disponibile su Amazon nei formati Kindle e paperback


lunedì 23 dicembre 2019

Boys Don't Cry



Brandon era un po’ narciso, un po’ macho e un po’ eroe. Capelli corti, atteggiamento da consumato cowboy, pantaloni stretti e un sorriso da conquistatore: questa era la miscela con cui incantava le donne. Brandon era un ragazzino dal passato difficile: vittima di abusi, con una famiglia incapace di comprenderlo e bisognoso di una sola cosa: il rispetto. Cercava l’amore e sperava in un futuro sereno... coltivava il sogno di ogni essere umano. Trovare l’anima gemella, un lavoro soddisfacente, amici fidati, spensieratezza, amici: chi non vorrebbe tutto questo? A Brandon, ragazzo nato nel corpo di una ragazza chiamata Teena, venne tolta la possibilità di realizzare se stesso e ogni piccolo sogno. La sua vita venne recisa, con violenza, il 31 dicembre del 1993. Aveva compiuto 21 anni pochi giorni prima, il 12 dicembre. 
boys don't cry film

Nel 1999 l’attrice Hilary Swank venne scelta - per il suo aspetto androgino - per interpretare Brandon. La sua prova cinematografica le portò numerosi riconoscimenti, tra cui l’ambitissimo Premio Oscar per la miglior attrice protagonista. La regista Kimberly Peirce – con Boys Don’t Cry – raccontò l’ultimo tratto di vita di un ragazzo con la vagina, di un uomo con il seno. Portò sul grande schermo la storia di chi avrebbe voluto semplicemente arrivare a vivere la propria identità con gioia...
Teena di nome e Brandon di cognome: ma la sua essenza è assolutamente maschile. Brandon accantona Teena e inverte nome e cognome. Viene deriso, schernito, umiliato per il suo essere un maschiaccio, una lesbica mascolina... ma Brandon non è una lesbica. Teena non esiste e non è una ragazza omosessuale, perché Brandon si percepisce e vive come una ragazzo eterosessuale. È il frutto ruvido di un albero delicato. È la corteccia robusta di un nome che non gli appartiene pienamente… questo – almeno – è ciò che dice il suo documento d’identità...

Luca Foglia Leveque



Continua su Il Simposio - Il coraggio di essere. Disponibile su Amazon nei formati Kindle e paperback

domenica 22 dicembre 2019

Epidermici orgasmi

 

  Il coraggio di essere… corpo

Ero agli inizi degli anni ’90, quando, giovane frate carmelitano, nella cella del convento carmelitano di Milano, ebbi una profonda rivelazione: nella solitudine della mia stanza, scopersi il piacere sublime dell’epidermico tatto. 
eros orgasmi della pelle


Premessa

Nel libro Teoria del corpo amoroso, il filosofo Michel Onfray scrive: “Il versetto della Prima lettera ai Corinzi insegna: È meglio sposarsi che ardere di passione. 
Questa frase si trova citata, commentata, ripresa, analizzata, sezionata, esaminata in ogni minimo particolare in tutta la letteratura patrologica consacrata ai rapporti tra uomini e donne per almeno mille anni. E noi viviamo ancora secondo questa formula, comprese le coppie laiche, non cristiane, atee, ma educate secondo il modello ideologico dominante” 
(Michel Onfray, Teoria del corpo amoroso. Per un’erotica solare, 2006, Roma, Fazi Editore, p. 91). E poco oltre aggiunge, parlando dell’esaltazione della  verginità come modello di vita proposto dagli autori dei primi secoli della cristianità: “L’abolizione integrale della sessualità implica lo sradicamento assoluto dei desideri, di tutti i desideri, e l’interdizione formale del piacere, di ogni piacere” (idem., p. 92). E conclude dichiarando che “mai una spiritualità collettiva ha lavorato tanto a distruggere il corpo, a negare la vita e screditare la realtà” (idem., p. 96)...


Mario Bonfanti



Continua su Il Simposio - Il coraggio di essere. Disponibile su Amazon nei formati Kindle e paperback


giovedì 19 dicembre 2019

La scelta di Marie



 Questa storia, così semplice, ma così dolorosa, mostra come sia ancora abituale assistere alla negazione dei sentimenti e dell’espressione sessuale femminile. Per quanto questo specifico episodio riguardi una donna etero, esso mostra come sia generalizzata tutt’oggi (in alcune culture) la pratica del matrimonio imposto: cosa che nega l’esistenza dell’omosessualità, prima ancora che le bambine promesse spose possano interrogarsi sul proprio effettivo orientamento. È un obbligo il matrimonio ed un obbligo “l’esercizio” dell’eterosessualità entro il medesimo. Laddove omandano “le tradizioni intangibili”, le lesbiche e le bisessuali debbono fingere di non esistere.


matrimoni combinati


Questa è la storia di un percorso di autodeterminazione lungo e doloroso, come tutti i percorsi di autodeterminazione sono.
L’autodeterminazione non è una scelta libera o facile: significa trovarsi a rispondere della propria vita di fronte a se stessi e agli altri e avviene nel momento in 
cui una donna si costruisce la possibilità concreta e reale di dare un senso a tutte le scelte che l’hanno condotta all’autenticità dei propri desideri e connessa con il centro del proprio dolore.
Marie ha costruito la propria vita, innaffiando i fiori che sono dentro di lei e assumendosi la responsabilità delle proprie scelte coraggiose. La battaglia per l’affermazione di sé vede come alleati 
principali l’autodeterminazione della persona; la consapevolezza che non si è liberi, in un mondo che ci vuole dipendenti dalle scelte altrui; la volontà di pagare il prezzo per la propria libertà...


Rita Ricciardelli 


Continua su Il Simposio - Il coraggio di essere. Disponibile su Amazon nei formati Kindle e paperback

giovedì 12 dicembre 2019

Non si può fermare l'estate: intervista con Anton Emilio Krogh



Parlare di estate in questi mesi… Sembrerebbe un paradosso. Eppure, è dovuto, dato che stiamo parlando dell’ultimo romanzo di Anton Emilio Krogh: Non si può fermare l’estate (Mursia, 2018). Avvocato, ma con la passione per la scrittura, aveva già dato alle stampe l’autobiografico  Come me non c’è nessuno (Mursia, 2017). In merito alla sua seconda opera, ci ha rilasciato la seguente intervista. 
anton emilio krogh non si può fermare l'estate

Se posso permettermi: quanto c'è di autobiografico in questo romanzo?  Carlo (che il padre vorrebbe avvocato, ma che ha invece la vocazione alla comunicazione) sembrerebbe somigliare a Lei...

Posso senz’altro dire che, al contrario di Come me non c’è nessuno, il mio romanzo di esordio  autobiografico , il  secondo libro racconta invece  una storia di fantasia.
Questo non esclude che la scrittura possa essere stata contaminata in senso positivo da esperienze ed emozioni personali,  o, comunque, conosciute attraverso terze persone.
Credo infatti che  qualsiasi scrittore trasferisca qualcosa di sé nei propri libri, come probabilmente fanno i registi nei loro film.

Nell'era degli smartphone e dei rapporti "liquidi" (o addirittura "usa e getta"), un'amicizia così reale e così duratura sembrerebbe una rarità... Tu ritieni ancora possibili le relazioni autentiche? Se sì, perché?

Ho sempre coltivato l’amicizia, un sentimento e un valore in cui credo moltissimo, e per questo ho voluto celebrarla in Non si può fermare l’estate. Guardando i giovani e, soprattutto, i giovanissimi di oggi, mi ritengo fortunato per aver vissuto, fino a pochi anni fa, assolutamente libero da dipendenze da smartphone e tablet. Era un mondo in cui ci si conosceva stringendosi la mano e guardandosi negli occhi, un mondo in cui (sia in amicizia che in amore) “rischiavamo” l’incontro  reale, con tutte le sue conseguenze : dall’alchimia più profonda e coinvolgente alla frustrazione del rifiuto o della delusione.
Oggi, l’unico “ rischio” che corriamo è di trovarci soli tra quattro pareti e gli occhi fissi su uno schermo per ore, pieni di amici virtuali e di un’immensa solitudine. Ed è anche di questo che ho voluto raccontare, narrando la lunga estate di tre inseparabili amici che, inevitabilmente, anche a quarant’anni devono fare i conti con questa dipendenza, che ormai non risparmia più nessuno.
L’era digitale ha sottratto moltissimo ai rapporti umani e (ad essere sincero) all’orizzonte non vedo prospettive di “umanizzazione “ troppo confortanti; ma, nonostante tutto,  la mia natura di inguaribile ottimista mi spinge a credere che qualcosa accadrà e comprenderemo quanto abbiamo perso.

Visto che questa è una rivista LGBT, ci parli un po' di Luca: quello che "si veste in modo eccentrico" e "preferisce la compagnia dei ragazzi". Qual è il suo rilievo nella trama? Lo trova rappresentativo del ragazzo gay medio? O stereotipato? O semplicemente... se stesso?


Intervista a cura di Erica Gazzoldi

Continua su Il Simposio - Il coraggio di essere. Disponibile su Amazon nei formati Kindle e paperback